In risposta al Corriere, da 415Express nr. 2/2010

05.02.2010 00:00

Due video servizi farciti da un articolo, pubblicati in data 20 gennaio: un “sandwich” di informazione adulterata che i cittadini di Santa Giulia proprio non vogliono digerire. Soprattutto considerando che quelle pagine fra il denigratorio e lo scandalistico sono il prodotto di un’attenzione non richiesta.

All’indomani delle festività , giornalisti del Corriere della Sera di sono scomodati per effettuare un reportage sulle condizioni del quartiere. Hanno impiegato mezzi audio e video, hanno intervistato residenti, esercenti ed hanno fissato un incontro con il presidente del Comitato di Quartiere, Stefano Bianco, che fiducioso ha messo a disposizione la propria casa per effettuare delle riprese.

Con disappunto, però, gli intervistati tutti si sono resi conto che, da quanto dichiarato, gli estensori dell’articolo hanno estrapolato solo gli aspetti negativi, per confezionare da una parte un articolo dall’inequivocabile titolo “Noi, i dimenticati di Santa Giulia”, dall’altra un servizio dedicato a “Santa Giulia. Il quartiere fantasma”, accompagnato dalle immagini del quartiere-cantiere dopo due settimane di pioggia ininterrotta, in condizioni climatiche che renderebbero deprimente anche un atollo tropicale.

Il comitato ha prontamente pubblicato un comunicato sul Forum Milano Santa Giulia con il quale chiarisce la propria posizione in merito alle dichiarazioni rilasciate, sottolineando che il Presidente intervistato, oltre a rispondere alle domande circa le criticità ancora presenti, «ha però sottolineato anche gli aspetti positivi del quartiere ed il fatto che, anche grazie ai continui contatti con le istituzioni, la situazione era “sbloccata” e i lavori procedevano.» In particolare ha  invitato i due giornalisti a visitare il proprio appartamento «per consentire di documentare come le case siano ben rifinite, con elevati standard energetici, e con un parco che sta prendendo forma. Inoltre, ha consigliato di filmare l'asilo, spiegando come sia ormai in via di ultimazione e quasi pronto per il prossimo anno scolastico. Infine si è raccomandato che venissero riprese ed inserite nel servizio le parti del quartiere finite.»

Ed è da poco stata comunicata anche un’altra buona notizia: nella seduta del 12 gennaio, presso il Consiglio di Zona 4 è stato ufficialmente presentato il progetto del centro commerciale che sorgerà in via Pestagalli, i cui lavori cominceranno in primavera: una concreta risposta alle esigenze di servizi dei residenti ed un forte stimolo al rilancio del quartiere come luogo di aggregazione.

© 2010 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito web gratisWebnode