Incrocio Via Futurismo Via Pizzolpasso 1 - da 415Express nr. 6/2010

19.04.2010 00:00

Via Pizzolpasso incrocia via del Futurismo proprio sotto le incombenti e vigili antenne di Sky. Ogni giorno, pedoni e automobilisti devono fare i conti con la precarietà di quel crocevia, nell’attraversare il quale ognuno ha la netta sensazione di fare qualcosa di sbagliato. Ma, inevitabilmente, è costretto a compierlo.

Un’ineducazione alla precarietà instillata fin da subito, da quando cioè i segnali orizzontali di dare precedenza (i ti angolini bianchi dipinti sull’asfalto con sospetta incertezza, come se l’Urbanista stesso non avesse le idee chiare sul da farsi ) apparivano su tutti e quattro gli sbocchi dell’incrocio, disabituando l’automobilista ad avere una chiara percezione sui suoi doveri.

Oggi è via del Futurismo che deve dare precedenza a via Pizzolpasso, ciò nonostante, gli incidenti non si contano: i cartelli rimangono poco visibili, la velocità non è regolata e spesso incoscienti sfrecciano attraverso l’incrocio senza neanche rallentare. A ciò si aggiunga il parcheggio in divieto di autovetture fino a ridosso dell’incrocio, che intralciano la visuale a chi sopraggiunge, costringendolo ad uscire con la macchina ben oltre la metà della carreggiata.

I cittadini si stanno quindi organizzando: in un quartiere in cantiere permanente, si cerca una soluzione il meno invasiva possibile per mettere in sicurezza il passaggio, prima che l’apertura dell’uscita dalla tangenziale riversi nel quartiere centinaia di macchine in più proprio attraverso la via del Futurismo. Uno Stop al posto del dare precedenza, dissuasori per impedire la sosta in prossimità dell’incrocio e dossi di velocità potrebbero essere la soluzione più immediata. Ma l’ultima parola spetterà comunque all’Amministrazione, con i suoi tempi e i suoi modi. Con buona pace delle urgenze dei cittadini, che attendono un riscontro non su un capriccio o su una scomodità, ma su una situazione di reale pericolo.

Linea d'arresto per la giusta visibilità dell'incrocio

© 2010 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito web gratisWebnode